Calciatori e pessimi attori

I giocatori di calcio che simulano falli non effettivamente subiti per ottenere una punizione a favore della propria squadra, non mi sono ovviamente mai piaciuti. Anche se una parte di tifosi considera con indulgenza quella recita interessata messa in atto per fregare l’avversario ingannando l’arbitro. C’è, da parte del tifoso, una connivenza mista ad ammirazione per il furbetto disonesto.

Vidi, in una partita a S. Siro di molti anni fa un giocatore (è strano: non mi ricordo più il nome, per sua fortuna) che colpito in testa da una monetina, si accasciò come in coma. In due tempi. Primo atto della simulazione: la monetina (piccola piccola) colpisce i tanti capelli del difensore. Io sono a pochi passi da lui, contro la rete di recinzione. La monetina gli arriva in testa lentamente, quasi a palombella: un attimo di fastidio. Il giocatore si ferma per togliersi dalla criniera il soldino. Un suo compagno di squadra lo spintona, poi lo travolge facendolo cadere. Lo raggiunge a terra (io sono lì, contro la rete e sento e vedo tutto) e gli raccomanda all’orecchio: svieni, lamentati, muori ma non alzarti che è la volta che vinciamo. E fu così: la sceneggiata convinse l’arbitro. D’altronde l’esecuzione del falso incidente era stata veloce. Vittoria a tavolino per la squadra del simulatore.

 

L’altro giorno a Glasgow (Coppa Uefa) quella pagliacciata del portiere del Milan del quale ricordo certo il nome, ma non lo dico, sfiorato in una carezza (i filmati parlano chiaro) dalla mano di un tifoso. Il portiere finge di perdere i sensi come dopo un uppercut o una folgorazione, stramazza. Quel portiere non è solo un discutibile calciatore, ma anche un pessimo attore. Forse una punizione esemplare per questo pagliaccio riuscirebbe a frenare la vocazione alla truffa di molti. Troppi. Che non sanno perdere. E non sanno neanche bluffare.

Calciatori e pessimi attoriultima modifica: 2007-10-09T16:20:00+02:00da enrico.vaime
Reposta per primo quest’articolo